Il compromesso è l'arte di tagliare una torta in modo tale che ciascuno creda di avere la fetta più grossa.

Jan Peerce

Dolci preparati con le amiche, che tra chiacchiere e risate non vengono neanche mangiati.

Dolci dei giorni tristi, quando la casa è invasa dal profumo di cioccolato, e che consolano sempre.

Dolci delle feste, delle occasioni speciali, con cui si deve fare bella figura, ma con poca fatica!

Dolci della nonna, tramandati di madre in figlia, "quelli sì che vengon buoni!...".

Dolci sbagliati e non sai spiegarti il perchè.

Dolci sempre uguali e sempre diversi, quelli pronti sempre al momento giusto, menomale.

...Nulla può competere con il sapore di un dolce fatto in casa.

venerdì 19 settembre 2014

Torta di nocciole alla ricotta con crema di nutella

Canzone consigliata per la preparazione: 
"Senza di te", Zibba e Almalibre


Ci sono giornate perfette. È vero, sembrano rare, ma guardandosi indietro spesso si scopre che non lo sono affatto. Perchè non si tratta di giornate interamente perfette, partite bene fin dal mattino e proseguite ancora meglio, ricche di sorprese, di felicità e caratterizzate da improbabili scene tipo film. 
E come sarebbe possibile, d'altronde? Non esiste nuovo giorno, per quanto partito nel modo giusto, che non porti con sè qualche piccola o grande difficoltà. 
No, le giornate perfette di cui parlo io sono quelle che non sembrano tali finchè non sono concluse. Il giorno, a volte addirittura la settimana dopo. 
Sono quelle che ricordiamo per qualche particolare, per qualche momento che sì, a ripensarci è stato di pura e cristallina felicità. Per davvero
Quelle giornate che se mi chiedessero di raccontare, il giorno successivo, non saprei farlo. 
Quelle che alla domanda "Cosa hai fatto di bello ieri sera?" mi verrebbero in mente soltanto le risate, il buon cibo, gli sguardi tra amici, le intese in un colpo d'occhio, e forse risponderei qualcosa di vago. "Ieri sera? Ah sì, tutto bene.."
Perchè si finisce sempre così, vero? A non dire quello che si vorrebbe dire: che la giornata è stata come una risata genuina che scoppia all'improvviso, come la nostra torta preferita, come il mare d'inverno o il sole caldo quando inonda la casa al mattino.  
"Tutto bene". 
Come se a sbilanciarsi troppo quella felicità che ancora non abbiamo realizzato, nè compreso del tutto, ma che c'è, potesse sfuggirci dalle mani. 

Questa torta è un omaggio alle mie origini. La ricetta originaria è quella di mia nonna, che la prepara da che io mi ricordo. 
La mia torta preferita, la sua: sempre insuperabile, sempre più buona di tutte le altre torte di nocciole che ho mai assaggiato (e ammetto di averne assaggiate parecchie, da Piemontese DOC quale sono!). Proprio per questo motivo, perchè come la fa mia nonna non la fa nessuno, - e io men che meno! - ho dovuto modificarne leggermente la ricetta.
Dopo averla preparata quasi per gioco, qualche tempo fa, (mai avrei pensato che sarebbe uscita così!), questa nuova versione super golosa è finita dritta dritta tra le indispensabili del mio ricettario. 
La ricotta, che nella ricetta di mia nonna è sostituita dal burro, le conferisce una straordinaria morbidezza senza appesantirla,e gli amaretti sbriciolati nell'impasto sono stati una piacevole sopresa. 
Ovviamente, condizione necessaria affinchè questa torta venga davvero buona è scegliere nocciole come si deve: servono quelle tonde di Langa, il cui profumo intenso si sente quasi a confezione chiusa.

Note: Per una versione più light potete omettere la nutella e incorporare dei pezzetti di cioccolato fondente tritato nell'impasto, la torta sarà comunque buonissima!

Ingredienti: 
- 150 g di nocciole sgusciate
- 100 g di ricotta fresca
- 250 g di zucchero
- 20 g di burro 
- 3 uova fresche
- 100 g di farina
- 3 amaretti morbidi 
- 1 pizzico di sale
- nutella q.b.
- granella di nocciole per decorare

Tostate le nocciole in un padellino sul fuoco, poi, una volta fredde, tritatele finemente nel mixer. Sciogliete il burro, unitelo in una ciotola insieme allo zucchero, poi aggiungete le uova una alla volta, la farina setacciata, un pizzico di sale e ele nocciole tritate. Per ultimo, sbriciolate nell'impasto i tre amaretti, amalgamateli e poi versate il composto in una tortiera imburrata ed infarinata. Cuocete in forno preriscaldato a 180°C per circa 30 minuti (fate la prova dello stecchino). 
Quando la torta è cotta sfornatela e lasciatela raffreddare completamente su una gratella per dolci. 
Nel frattempo scaldate per pochi istanti la nutella in un pentolino (ve ne servirà all'incira un bicchiere): questo passaggio serve per ammorbidirla, altrimenti vi sarà difficile spalmarla sulla torta. Versate quindi la nutella morbida sulla superficie e decorate a piacere con la granella di nocciole. 
Conservate la torta in un luogo fresco, o ancora meglio in frigorifero, avendo cura di tirarla fuori qualche minuto prima di servirla. 

24 commenti:

  1. Bellissima e stragolosa, ottima torta!!!!!

    RispondiElimina
  2. Le ricette delle nonne sono sempre le migliori, e questo abbinamento nutella nocciole è quanto di più goloso ci sia, che meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo! E i loro ricettari sono qualcosa di molto prezioso:) grazie Geillis, un abbraccio!

      Elimina
  3. questa finisce di corsa tra le indispensabili anche del mio ricettario! golosissima !!!!!!!!!!!!!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah sì è davvero una golosità Alice, te la consiglio vivamente!:)

      Elimina
  4. Hai proprio ragione, a volte si ha l'impressione che le parole possano urtare la perfezione di un momento e allora, meglio vivere l'emozione senza darle un nome. :) Questo dolce mi piace moltissimo... e mi piace così com'è: coronato da Nutella e granella di nocciole!!! Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che ti piaccia come è piaciuta a me! Se sei un'amante delle nocciole non ti deluderà:) Un abbraccio!

      Elimina
  5. Nocciole ,ricotta ,nutella ... cosa si può desiderare di più ! Deve essere una di quelle torte che una volta assagiate non si scordano più !!!
    bacioni

    RispondiElimina
  6. che splendore, belle le tue origini e soprattutto buone! credo molto nella forza delle parole, nel dire, non dire, capire se dire, come, ecc....!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è piaciuto molto il tuo commento, Lilli, hai colto alla perfezione quello che intendevo... Dire!!:D
      un abbraccio!

      Elimina
  7. Spesso basta un attimo, un qualcosa che accade all'improvviso e che ci rende felici a farci ricordare quella giornata nel tempo. La torta è da provare, dev'essere una meraviglia! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È proprio così... A volto basta un particolare...
      Grazie per i complimenti! Ciao!:)

      Elimina
  8. Direi che anche qui i ricordi si mischiano agli ingredienti della ricetta...queste super nonnine sono il nostro pilastro, vero???
    Complimenti x la splendida torta, davvero speciale perchè unica ^_^
    Buon we e a presto <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero, non so come si potrebbe fare senza di loro!
      Grazie mille Consuelo, in effetti è una torta speciale, soprattutto per il significato che per me! Ciao, buona Domenica!:)

      Elimina
  9. Versione light? E perché mai? Se questa torta nasce così dalle mani di tua nonna, così deve rimanere!! Un bacione, tesoro!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah hai assolutamente ragione, Ros!! Infatti a casa mia la variante leggera non l'abbiamo mai fatta... Non ne dubitavi, vero?:)
      Buona settimana!

      Elimina
  10. Trooooooppo golosa!!!
    Bravissima!!
    Un caro abbraccio e a presto
    Carmen

    RispondiElimina
  11. Tanto golosa e invitante, bravissima!!!!

    RispondiElimina
  12. Che carino il tuo blog.
    Grazie per la visita.
    Buona gironata

    RispondiElimina
  13. i giorni perfetti....
    i giorni perfetti diventano tali nei ricordi, quando non puoi mettere tutte le sciocchezze, ma solo le cose importanti. i giorni perfetti esistono nella nostra memoria e sono bellissimi.
    che tu abbia mille e mille e mille giorni perfetti.
    le torte della nonna sono sempre meravigliose...
    un abbraccio
    Sandra

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...